La strada del prosecco è l’itinerario magico dei Colli, Vigneti, Borghi e Cantine tra Conegliano e Valdobbiadene: le due capitali del Prosecco Superiore Docg

La Strada del Prosecco dei Colli Conegliano Valdobbiadene è qualcosa di davvero emozionante, colma di fascino magico che solo la natura può regalarci.Un’enorme valore storico – culturale; gran parte di questo tragitto è diventato Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO nel 2019.

Il territorio del Prosecco DOCG

Dove si trova e che cos'è la strada del prosecco?

Questo percorso è lungo circa 90km e si trova nell’alta Marca Trevigiana, ad un’ora da Venezia, a nord della provincia di Treviso.

È stata costituita nel 2003 ed ha voluto ricalcare, con qualche modifica, l’originale tracciato inaugurato nel 1966; questo testimonia il fatto che è stata la prima strada del vino in Italia.

Il percorso compie un anello, partendo e terminando a Conegliano, ed il senso di percorrenza è libero; lo percorriamo antiorario per nostra convezione.

PARTIAMO!

Conegliano

Non possiamo che partire dalla prima scuola enologica d’Italia fondata nel 1876, una delle più prestigiose del nostro territorio italiano.Dirigendosi verso il centro storico si trova il duomo (risalente al 1352) che custodisce i dipinti di G.B.Sulla centrale piazza chiamata "Cima", si affacciano invece le antiche mura del palazzo del comune e del Teatro dell’accademia, edifico signorile in stile rinascimentale.Guardando verso la collina si vede la rocca di Castelvecchio, simbolo di Conegliano: dimora della ricca collezione di quadri, affreschi e reperti archeologi dal Paleolitico all’era romana, ospitati nel Museo Civico.

Conegliano
Collalbrigo

Collalbrigo

Qui possiamo ammirare la bellezza della natura: splendidi colli caratterizzati da boschi e vigneti; ottimo per fare una piacevole e rilassante passeggiata.Inoltre in questo bellissimo borgo troviamo la villa Montalban Ghetti, risalente al settecento.

RUA di San Pietro di Feletto

La sede del municipio è sita in un antico eremo camaldolese che risale al seicento; si può notare inoltre, la suggestiva pieve romanica del dodicesimo secolo.

Municipio Rua di San Pietro di Feletto

San Pietro di Feletto

Il paese di San Pietro, località amena e naturalisticamente rilevante, è caratterizzato dalla presenza di numerose case rurali, sparse sulla superficie flessuosa delle colline dominate dall’antica pieve di San Pietro. Si tratta di una delle pievi più antiche e preziose della marca trevigiana, posta in un luogo panoramico da cui lo spettacolo paesaggistico ti lascia letteralmente senza fiato.

San Pietro di Feletto
Refrontolo

Refrontolo

Eccoci arrivati a Refrontolo, favolosa meta di gite domenicali e zona di produzione di un buon passito, ottenuto dai vitigni Marzemino.Qui vicino si trova il Molinetto della Croda: località incantevole incastrata nella roccia; in questo antico mulino ad acqua troviamo un museo della molitura oltre ad essere sede di mostre.

Solighetto

Qui sorge la Villa Brandolini d’Adda eretta nel XVIII sex dall’omonima famiglia, oggi sede del consorzio Tutela del Vino Prosecco Conegliano Docg e luogo che ospita diversi eventi culturali. Inoltre troviamo il museo dedicato alla cantante lirica Toti Dal Monte.

Solighetto
Soligo

Soligo

Nella località di Soligo possiamo scorgere la piccola chiesa di Santa Maria Nova risalente al quattordicesimo secolo. Proseguendo - con una breve passeggiata - si arriva al tempietto di San Gallo, dove si può godere di una splendida ed affasciante vista sulla valle del Piave e Colbertaldo.

Farra di Soligo

Arriviamo in questo paese dove troviamo questa piccola chicca: La parrocchiale di Farra è intitolata a Santo Stefano ed al suo interno sono custodite opere di pregio tra cui la pala d’altare di Francesco da Milano.

Farra di Soligo

Col San Martino

Adagiata sulle colline troviamo un autentico gioiellino architettonico ed artistico: la Chiesa di San Virgilio. Si possono poi vedere le Torri di Credazzo, risalenti al medioevo, che testimonia la presenza dei longobardi.

Col San Martino

Colbertaldo

Qui si rimane colpiti dallo speciale panorama che appare come un tempo. Vediamo le cosiddette “chiocciole” (coni collinari) e le “Casère” (sorta di magazzini usati di contadini ancora oggi per depositare fieno ed attrezzi)

La zona di coltivazione per fare il Prosecco
Follo - Saccol

Follo – Saccol

Il viaggio prosegue verso Nord, dove troviamo l’area del Cartizze (l’omonimo pregiato spumante) , considerato il cru per eccellenza dell’area Docg del Prosecco Superiore.

Santo Stefano

In questa zona si possono ammirare alcuni tra i più bei panorami delle colline del Prosecco Superiore Docg, in cui vigneti ininterrotti lasciano spazio solo sulle sommità dei rilievi collinari ai rinomati boschi di castagno.

Santo Stefano

San Pietro di Barbozza

Qui si trova la Sede Confraternita di Valdobbiadene.

San Pietro di Barbozza

Valdobbiadene

Concludiamo il suggestivo viaggio d’andata nell’altra ‘capitale’ del Prosecco, arroccata su un colle ripido, dalla forma di un panettone.Qui si trova l’affasciante la Villa dei Cedri (che accoglie al suo interno la Mostra nazionale degli spumanti) ed l’imponente secolare cedro del Libano che caratterizza il grande parco aperto al pubblico.Poco distante si trova la Chiesetta di San Gregorio risalente al Seicento, utilizzata per eventi musicali data la sua ottima acustica.

Il territorio del Prosecco DOCG

La strada del prosecco prosegue poi questi paesi:

  • Guia;
  • Campea;
  • Premaor;
  • Farrò;
  • Rolle;
  • Costa di Là;
  • Arfanta;
  • Tarzo;
  • Corbanese;
  • Cozzuolo;
  • Carpesica;
  • Ogliano;

Per arrivare poi a Conegliano; questo pezzo di tragitto è caratterizzato da paesaggi rurali ben conservati. Fitti boschi,  colli di vigneti fantastici, oltre al profilarsi sull’orizzonte degli antichi paesi e dei loro campanili.La Strada del Prosecco e Vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene è davvero qualcosa di emozionante che la natura assieme alla storia ci regala ogni giorno. Ovviamente in tutto il tragitto potete trovare le migliori cantine, aperte per degustare un ottimo calice di prosecco superiore. Dopo questa faticata ‘virtuale’ se ti è venuta sete e vuoi assaggiare un Prosecco Superiore Docg di lusso, prova il nostro Prosecco Contidoro Un cin cin a tutti...